Presentazione

Mai tanta commozione,nella lunga storia del Centauro d'Argento,aveva pervaso la cerimonia di premiazione alla presenza del Prefetto Anna Maria Cancellieri Peluso.Due i momenti più toccanti:il ricordo di Fabrizio Meoni, troncato da una morte tragica durante l'ultima Parigi-Dakar, la garta che era la sua vita e che stava per vincere per la terza volta e il ricordo di Nicola Calipari, ucciso dal fuoco amico nei pressi di Bagdad, suscitato dal Comandante provinciale dei Carabinieri di Catania, Col.Gaetano Maruccia.Meoni era un grande amico di Belpasso e del Motoraduno Internazionale dell'Etna che lo vide protagonista sulle strade del Vulcano proprio nell'agosto del 2004.
Quella di quest'anno sarà certamente una delle manifestazioni più incancellabili, accompagnata con garbo dai presentatori Michela Giuffrida ed Enzo Motta e dalle indovinate musiche dell'Orchestra L'Enigma del maestro Ottavio Sangani che ha avuto il suo culmine nell'inno di Mameli nella presentazione delle Frecce Tricolori rappresentate dal Comandante Magg.re Paolo Tartantino e dal Luogotenente Domenico Maraglino.
La consegna dei premi è stata abbastanza sciolta.Le tre ore sono volate via senza accorgersene, segno che la manifestazione è stata di grande interesse.Come d'altronde ci ha abituati il Presidente del Moto Club Belpasso, Prof.luciano Bellia, che organizza l'evento.
Così hanno sfilato tutti con calorosi consensi, i premiati:Mario D'Alonzo, Generale di Brigata e Comandante Provinciale della Guardia di Finanza di Catania, il quale ci ha ricordato il continuo impegno delle Fiamme Gialle nella nostra provincia;la Prof.ssa Nuccia di franco Lino del Fondo Siciliano per la Natura e il Gruppo folkloristico Terra di Focu per i Premi Targa d'Argento.
Subito dopo è stata la volta dei premiati Artefici del Turismo: Enzo Minardi, Presidente della Commissione Turistica Nazionale della FMI, il quale si è complimentato per l'organizzazione del Motoraduno, "vanto non soltanto della Sicilia ma dell'Italia";Antonino Rapisarda, Sindaco di Camporotondo Etnèo;Giuseppe Fesco, sempre impegnato nello sport etnèo anche come team manager del Mascalucia;Michel Limbourg, redattore della rivista belga "Moto 80" e responsabile del "Quartè", che in questa edizione 2005 ritornerà a Belpasso anticipando che già ben 50 belgi visiterano nuovamente Belpasso.Assente l'assessore regionale al Turismo Fabio Granata,come anche il Presidente della Regione Salvatore Cuffaro(Premio Centauro) per impegni istituzionali:loro rappresentanti hanno ritirato i premi.
Infine i premi più attesi, Centauro d'Argento.Alla Carriera:Gianluigi Mengoli, Direttore della Ducati SpA che ha sollecitato la "realizzazione di un autodromo nell'hinterland:Belpasso e Catania hanno grandi spazi, bellezze ambientali, tanto entusiasmo e anche un aeroporto, quanto basta per realizzare una struttura all'avanguardia;:Nino Vaccarella, campione europeo di automobilismo e di tre Targhe Florio;la Rivista Motociclismo, rappresentata dal dott.Matteo Bacchetti;Fernando Charrier,Vescovo di Alessandria e dei Centauri Internazionali;il Comamdante col.Gaetano Maruccia che ha manifestato la vicinanza dell'Arma al Motoraduno e al quale il Prof.Bellia ha riconosciuto l'essenzialità della presenza e la bravura della Squadra Motociclistica; Giovanni Sala, otto volte camione del mondo,che ha fatto rivivere tanti momenti emozionanti.Tocco finale apprezzatissimo per le Frecce Tricolore in tutta la loro bravura, spericolatezza, danza e geometria." A Catania siamo venuti per un premio, speriamo di tornare al più presto per una esibizione".
Soddisfattissimo il Sindaco di Belpasso Ing.Alfio Papale:"E' stato un Centauro davvero di lusso.La città di Belpasso ne è felice", come l'Assessore allo Sport Carlo Caputo.Presente anche l'On.le Giovanni Barbagallo.Il Presidente della Provincia e dell'AAPIT, On.le Raffaele Lombardo ha inviato un caloroso telegramma di Auguri.

Nino Urzì